Skip to content

Categoria: Fotofucina Female

Mostra Fotografica “in Differenza – 9 Viaggi Brevi Nella Diversita’” e Incontro Con L’autrice Caterina Gerardi

Locandina "in differenza"
Locandina “in differenza”

A cura della sezione femminile di FotoFucina una serata dedicata ad una mostra a tema e all’incontro con l’autrice Caterina Gerardi che ci guiderà nella visione del suo corto “L’Isola di Rina. Ritorno a Saseno“.

Mostra Fotografica “IN DIFFERENZA – 9 viaggi brevi nella diversità”
Un viaggio nella bellezza delle differenze, un breve tragitto per riflettere sull’identità, l’originalità, la diversità: dall’identità dei popoli che, nonostante l’appiattimento della globalizzazione, difendono i propri costumi, lingue, religioni, all’originalità della persona, data da quell’insieme di peculiarità a volte strampalate in apparenza, che ne fanno un essere distinto; dalla diversità intesa come “arricchimento con l’altro”, base irrinunciabile della relazione intersoggettiva possibile solo grazie al presupposto di spogliarsi dal pregiudizio per accettare le scelte e I diritti dell’altro, alla diversità dei punti di vista e degli sguardi sull’io; dalla sfida quotidiana di una differente abilità alla lotta contro la bellezza e il narcisismo sterotipato; dall’uomo che si caratterizza per la volontà di essere diverso in un dualismo bene/male, ying/yang, luce/ombra fino all’uguaglianza che supera le differenze nel cuore e col cuore.
9 sguardi (femminili) diversi, differenti e caleidoscopici sulle tante sfumature che fanno di questo pianeta un universo variegato e fantastico.

Film “L’Isola di Rina. Ritorno a Saseno”
Il film di Caterina Gerardi, della durata di 35 minuti, ripercorre una parte essenziale dell’esperienza di vita e di scrittura dell’autrice salentina Rina Durante, ricollegando i fili del suo discorso letterario e intellettuale che riconducono idealmente ai luoghi della sua infanzia, vissuta nell’isola di Saseno (Albania), dove il padre, comandante di batteria della Regia Marina, era stato trasferito con la famiglia nel 1930.
Attraverso la rivisitazione dei luoghi dove Rina trascorse un’infanzia “spensierata e selvaggia”, fino alla vigilia della seconda guerra mondiale, le immagini ricostruiscono una figura femminile che ha segnato la storia culturale salentina della seconda metà del Novecento e lo speciale legame, affettivo e culturale, che ella mantenne con l’Albania nell’arco della sua vita.
Passato e presente, memoria individuale e ricostruzione storica s’incontrano con la riflessione sui temi dell’identità culturale, del distacco dalla terra d’origine e dell’adattamento alla nuova realtà, del ritorno, dei cambiamenti determinati dagli eventi storici più recenti.


Caterina Gerardi è nata ad Arnesano, vive e lavora a Lecce. Fotografa e operatrice culturale, collabora con riviste e periodici, partecipa a giurie di importanti concorsi fotografici anche internazionali come la Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo. I suoi libri fotografici, con importanti saggi critici, documentano altrettante mostre personali a Lecce e in varie città italiane Tra le pubblicazioni: Senza Cornice, ed. Il Laboratorio; Dietro le Gelosie, Editrice Salentina; Le Figlie di Teùta, ed. Besa; Password, ed. Lupetti; Luli fiori d’Albania, ed. Besa; Sciuia Sciuia, ed. Besa; La città ultima, ed. Besa; Nexhmije Hoxha (con Ada Donno) ed. Quaderni di “Gramsci”; Verso Sud (con M. Cataldini e M. Pizzarelli), ed I libri di Icaro. Dal 1997 si dedica alla regia di film partecipando a festival ricevendo significativi riconoscimenti. Si ricordano: Enver mio compagno di lotta e di vita. Conversazione con Nexmije Hoxha, Albania; La Festa del Sacrificio, Marocco; Come farò a diventare un mito. Omaggio a Rina Durante, Lecce; L’Anniversario, Albania; Verso Sud, Salento; Nella Casa di Borgo San Nicola, Lecce.


 

 

 

Facebooktwittergoogle_plus Leave a Comment

Mostra fotografica “PARTE DI NOI”

parte di noi“La zona d’ombra tra il passato e il futuro è il precario mondo dentro la crisalide. Parte di noi si guarda indietro, soffrendo per la magia che ha perduto; parte di noi è felice di dire addio al suo caotico passato; parte di noi si volge al futuro con tutto il coraggio di cui è capace; parte di noi è eccitata dalla possibilità del cambiamento; parte di noi è immobile, e non ha il coraggio di guardare da nessuna parte…”

Marion Woodman

Proprio come una farfalla rompe la crisalide e lascia distendere e asciugare le sue ali profumate al sole, le donne di FOTOFUCINA rompono il riserbo per raccontare parte di sé e del proprio mondo, in un progetto che le vede protagoniste dietro e davanti l’obiettivo fotografico.Dieci punti di vista femminili che indagano e declinano l’essere donna, ognuno nell’introspettiva percezione della propria sfera personale. Dittici che raccontano di crescite, evoluzioni, dicotomie, ansie, passioni e che svelano con delicatezza la poliedricità e l’intimità dell’universo femminile.

Esporranno:

  • Marta Arnesano
  • Roberta Calcagnile
  • Federica D’Ambrosio
  • Claudia De Blasi
  • Mietta De Giosa
  • Paola De Pascalis
  • Francesca Serio
  • Maria Grazia Simmini
  • Donatella Stella
  • Paola Vergine

Vi aspettiamo il giorno 8 marzo, con inizio alle ore 17:00, presso Manifatture Knos all’interno della manifestazione “io l’8 così” organizzata da molteplici associazioni di donne.
Da lunedì 9 marzo e fino a Domenica 15 marzo la mostra si sposterà presso “ERGOT” officine culturali, con orario 9:00 – 12:30 e 16:00 – 21:00

Facebooktwittergoogle_plus Leave a Comment